Iscritto da

1 anno 11 mesi
eser , 21/07/2021
Fondo regionale

Un contributo non irrisorio dell'economia solidale per la ripresa economica e sociale durante la pandemia.

La legge LR 19/2014 e la delibera della Giunta Regionale nr. 1068 del 01.07.2019 hanno portato all’istituzione di un fondo per l’abbattimento degli interessi passivi sui prestiti che alcuni soggetti dell’economia solidale ricevono da strutture di finanza mutualistica e solidale. La finalità di questo fondo è duplice. Da un lato, offre uno strumento nuovo attraverso il quale i soggetti dell’economia solidale possono più agevolmente accedere al credito che permette loro di realizzare progetti orientati verso il bene comune. Dall’altro, il fondo aiuta ad ampliare la rete dell’economia solidale e a diffondere l’utilizzo e la conoscenza della Finanza Etica Mutualistica e Solidale (FEMS).
Le realtà che hanno beneficiato del contributo, erogato per la prima volta in data 16 marzo 2020, ad oggi sono state ben 22. La somma totale dei finanziamenti erogati è di circa un milione di euro, a fronte di contributi impegnati dalla regione per l'abbattimento di circa 215.000€. Alcuni finanziamenti sono stati erogati per avvio attività e altri per ripristino liquidità o immobilizzazioni materiali. I finanziamenti concessi avranno una durata dai 60 a 120 mesi, durante i quali i soggetti beneficiari potranno usufruire dei contributi impegnati.
L’erogazione del Fondo è diventata operativa in un contesto difficile e carico di incertezze che ha influenzato la progettualità economica del paese, così duramente ostacolata e immobilizzata negli ultimi mesi. Ciò nonostante, il Fondo è riuscito ad agevolare sia l’avvio di nuove attività, sia il consolidamento delle attività esistenti, contribuendo a creare una rete sempre più forte di soggetti dell’economia solidale che condividono responsabilità e valori.

In conclusione, in vista della ripresa economica del paese dopo la pandemia, questo strumento  deve essere ed è stato in effetti rafforzato per raggiungere più soggetti e amplificare così i suoi benefici. A tale scopo è strategico dotarlo di risorse adeguate, per contribuire efficacemente al rilancio strutturale delle attività economiche colpite durante la crisi pandemica.

Chi: